Domenica 6 Aprile, ore 11:42  Sunday 6 april, 11:42 a.m.

english below

Domenica 6 aprile, ore 11:42 descrive il paesaggio come una complessa rete di connessioni che guida le relazioni tra le persone. Il video si concentra su azioni e luoghi, movimenti e ambiente, e sottolinea la connessione reciproca tra l'ambiente e i suoi abitanti, dove il territorio gioca un ruolo inevitabile nelle trasformazioni antropomorfiche.
"Trasformiamo una visione in un'idea estetica, ma possiamo anche prendere coscienza di un paesaggio prima della pittura o dopo la pittura o, anche, a parte la pittura. In uno spazio condiviso, l'uomo possiede solo le strade che ha percorso. La sua libertà si esprime solo nel causare un cambiamento di rotta al flusso delle correnti, e non solo alle sue correnti personali. L'unicità di un paesaggio è definita attraverso la totalità delle relazioni che la permeano, comprese quelle meteorologiche. I paesaggi, come i sogni, sono personali. Ma sono anche sociali poiché sono pieni di significati condivisi."

Sunday 6th April, 11:42 a.m describes a landscape as a complex network of connections that guide relationships between people. The video focuses on actions and places, movements and the environment, and underlines the reciprocal connection between environment and its inhabitants, where territory plays an inevitable role in anthropomorphic transformations.

"We transform a view into an aesthetic idea. But we can also become aware of a landscape before painting or after painting or, even, apart from painting. In a shared space, man owns only the paths he has taken. His freedom is expressed only in causing the flow of currents to change course, and not just his personal currents. The uniqueness of a landscape is defined through the totality of relations which permeate it, including meteorological ones. Landscapes, like dreams, are personal. But they are also social since they are full of shared meanings."